Un giorno tra i Monti Alburni in Cilento: Gole del Calore e Roscigno Vecchia

Gole del Calore Monti Alburni in Cilento

Un giorno tra i Monti Alburni in Cilento: Gole del Calore e Roscigno Vecchia

Un itinerario di un giorno nel cuore dei Monti Alburni in Cilento, immersi nella natura e nella cultura: vi racconto la mia escursione alle Gole del Calore e Roscigno Vecchia.


Il Cilento è una terra ricca di sorprese, e anche quest’anno non mi ha deluso! Del mio amore per il Cilento parlo spesso, soprattutto sul mio profilo IG, dove quest’estate vi ho mostrato buona parte dei miei luoghi del cuore.

Fuori dagli itininerari del turismo di massa, il Cilento è una terra autentica e incontaminata, dove trovare natura, cultura, ottimo cibo, mare e montagna.

 

Abbiamo la fortuna di avere parenti e amici cilentani, fieri delle montagne tra cui sono cresciuti e che ancora lavorano con orgoglio, producendo per lo più castagne e olive. Orgogliosi di far conoscere il loro territorio, sono le persone migliori a cui affidarsi per scoprire ogni volta delle nuove chicche.

 

E così, mi è bastato dire: “Vorrei vedere qualcosa di nuovo, cosa mi consigliate?” e ho avuto l’imbarazzo della scelta tra le località che mi sono state proposte.

Avevo voglia di allontanarmi dal mare per visitare l’entroterra cilentano, quello dove la macchia mediterranea lascia il posto a montagne più brulle e rocciose.

E così, eccoci in macchina…pronti ad affrontare tanti tornanti ma anche a vedere panorami meravigliosi tra i Monti Alburni!

 

Monti Alburni in Cilento: Le Gole del Calore

Gole del Calore Monti Alburni in Cilento
Gole del Calore borghi del Cilento


Siamo partiti la mattina da Vallo della Lucania diretti alle Gole del Calore. Il Calore è un fiume che nasce nel monte Cervati e si fa strada tra le pareti rocciose del cuore del Cilento, creando ben 5 gole. Veri e propri spettacoli naturali.


In corrispondenza della quarta e quinta gola, in località Felitto, una vecchia diga crea una vera e propria piscina naturale con tanto di cascata. Qui è sorta l’oasi del Remolino, un’oasi naturale con un’area attrezzata dove è possibile svolgere diverse attività. Ideale per un pic nic e un tuffo nell’acqua fresca sotto la cascata. Vi è inoltre un ristorantino molto spartano con tavoli all’aperto, dove assaggiare i famosi fusilli Cilentani, che sono nati proprio nel borgo di Felitto. 


Per gli amanti del trekking, dall’oasi del Remolino parte anche un sentiero che costeggia le rive del Calore. Completamente immerso nella vegetazione, offre scorci mozzafiato, fino ad arrivare ad un ponte medievale segnalato fin dall’inizio del percorso. 
Noi abbiamo optato per percorrerne solo un pezzettino, viaggiando con due bambini, ma ne è valsa ugualmente la pena.

Monti Alburni in Cilento: Roscigno Vecchia

Piazza Roscigno Borghi del Cilento
Roscigno


La nostra giornata è continuata all’insegna della scoperta dell’entroterra cilentano, visitando il borgo di Roscigno Vecchia.

Si tratta di un borgo abbandonato agli inizi del ‘900, dopo che la popolazione è stata evacuata a causa delle continue frane che lo rendevano poco sicuro.
A breve distanza, gli abitanti hanno costruito un nuovo paese (Roscigno, appunto), lasciando che il vecchio borgo acquisisse negli anni l’immagine decadente e surreale che lo contraddistingue.


Molti visitatori raggiungono Roscigno Vecchia soprattutto d’estate, per respirare la sua atmosfera quasi incantata e per incontrare il suo unico abitante, un eccentrico eremita trasferitosi li nel 2001.
Vive solo nel borgo, senza acqua e senza elettricità, aggirandosi con la sua pipa e la sua barba bianca e concedendo ai curiosi qualche chiacchiera.

 

Roscigno Vecchia unico abitante Cilento


Io sono rimasta letteralmente incantata da questi luoghi, da questa giornata immersa nel cuore del Cilento tra natura e cultura locale.


E’ un itinerario che potete pianificare in un’unica giornata, oppure spezzare in due momenti diversi se volete dedicare più tempo all’oasi delle Gole del Calore
In alternativa, Roscigno Vecchia potrete includerla in un tour attraverso i più bei borghi del Cilento.

Eleonora Maritan
eleonoramaritan@gmail.com